Il Motore di Ricerca

Come funziona il Motore di Ricerca?

Il Motore di Ricerca (di seguito definito MdR) è qualcosa che ormai appartiene alla nostra cultura, essendo uno strumento che utilizziamo ogni giorno per le nostre ricerche e che si posiziona spesso al primo posto tra le nostre fonti di informazione. In questo articolo ti spiegherò meglio come funziona e quali sono alcune delle sue caratteristiche principali.

Per chi non lo sapesse il MdR è quello strumento che dopo aver ricevuto da parte nostra una chiave di ricerca ci restituisce una lista di risultati dal web. Ma ti sei mai chiesto come faccia il MdR a restituire una lista di risultati dettagliata, in poche frazioni di secondo e con un ordine ben preciso?

Di seguito ti spiegherò le tre principali operazioni che il MdR esegue per restituire i suoi risultati.

La scansione

Il primo processo che il MdR esegue è la scansione (crawling). Il MdR esegue la scansione attraverso strumenti definiti "spiders" (crawlers oppure robots). Questi strumenti scansionano o analizzano tutti i documenti del web e sono alla continua ricerca di nuovi documenti o link da aggiungere al proprio elenco. Questa analisi non avviene ogni volta ripartendo da zero, piuttosto ha inizio da un elenco di indirizzi (url) già rilevati in precedenza e dalle sitemap conosciute.

Lo spider analizza una pagina html concentrandosi principalmente su alcune parti o elementi della pagina come il Titolo, la Meta Description, gli elementi posti in enfasi tramite grassetto, corsivo o sottolineato e altri. Dopo aver reperito le informazioni necessarie lo spider compilerà enormi elenchi di pagine che continueranno ad essere aggiornati ciclicamente.

L'indicizzazione

Il secondo processo che il MdR esegue è quello della creazione di un enorme indice. Puoi immaginarti l'indice come un'enorme biblioteca in continua espansione, perfettamente ordinata secondo determinati parametri. Perché una pagina sia indicizzata nello "scaffale" corretto dovrà contenere le informazioni necessarie affinché lo spider possa identificarla e inserirla in quel preciso posto o se vogliamo sotto quel preciso argomento.

A questo proposito è interessante sapere che la ricerca del MdR avviene non solo nel Web per intero, ma anche nell'indice già ordinato ovvero una copia esatta dei documenti contenuti sul Web. Questo permette alla ricerca di essere molto più rapida perché le pagine già indicizzate sono già associate a temi pertinenti e ordinate per argomento.

Il Ranking e la creazione della SERP

Per saperne di più su quali sono gli elementi che compongono la SERP puoi leggere l'articolo in cui parlo della SERP di Google.

Il terzo processo che il MdR esegue è la restituzione di un Ranking, una classifica delle pagine pertinenti rispetto alla nostra ricerca. Infatti dopo aver ordinato le pagine secondo centinaia di fattori di ranking (200+) visualizzeremo la SERP (Search Engine Report Page) con l'elenco dei risultati della nostra ricerca. Nel caso del MdR Google la SERP è anche personalizzata in base all'utente. Questo vuol dire che i risultati della ricerca per una determinata chiave di ricerca non sono gli stessi per ogni utente, ma sono influenzati dalle caratteristiche e preferenze stesse dell'utente che Google ha memorizzato in precedenza durante la navigazione. Puoi trovare ulteriori informazioni al riguardo sulla pagina ufficiale che spiega il funzionamento di google inside search.

 

Informazioni